Basandoci sull’esperienza di tante ispezioni ricevute dai nostri clienti esamineremo quali sono i difetti più frequentemente sanzionati e come migliorare la preparazione delle proprie SDS.

Programma

Nell’ambito dell’attività di vigilanza, i diversi programmi ispettivi portati avanti dalle Autorità Competenti nei diversi Stati Membri e l’esposizione dei risultati, anche nella reportistica pubblicata da ECHA, hanno più volte messo in luce delle carenze o delle incongruenze compilative delle schede dati di sicurezza trasmesse a valle nella catena di approvvigionamento.

A questo proposito, il D. Lgs. 133/2009 relativo alla disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del Regolamento REACH ha stabilito delle sanzioni per la violazione degli obblighi imposti dall’art. 31 (l’articolo che nel testo del REACH disciplina espressamente le prescrizioni relative alle SDS) che, in relazione al caso specifico, potrebbero arrivare anche a 60.000€.

Attraverso l’illustrazione e la discussione di svariati casi pratici, il webinar intende porre l’attenzione sulle principali difformità o incoerenze che sono state riscontrate in sede ispettiva e che sono state causa di sanzioni in modo da affinare la redazione delle proprie SDS.

Conoscere quali sono gli aspetti che sono stati oggetto di attenzione da parte delle autorità, consente da un lato, di essere preparati sia nella compilazione dei documenti che nello strutturare una risposta ad eventuali contestazioni; dall’altro di redigere dei documenti maggiormente dettagliati e completi quindi di maggiore utilità anche per i destinatari che si trovano ad utilizzarli per le valutazioni da condurre in azienda, a vario titolo (ad es. ai sensi del D. Lgs. 81/2008).

 

A chi è rivolto: a tutti
Durata: 90’
Relatore: da definire

ISCRIVITI AL WEBINAR